L’importanza di una respirazione corretta – Due video esercizi

Set 21, 2017 - by Team Diastasi Italia - in Esercizi, Video

No Comments

Come noto, la diastasi è causata direttamente da una eccessiva presione intra-addominale, le cui cause, a loro volta, possono essere molteplici, e si aggravano con la gravidanza (considerate le dimensioni del feto unite alla quantità di liquido amniotico, agli effetti degli ormoni etc.). Per cui, per essere tenuta sotto controllo, non è sufficiente rinforzare i muscoli del core se poi non si cercano di ridurre tutti i vari fattori che aumentano tale pressione all’interno della cavità addominale.

Uno di questi fattori può essere il modo in cui si respira.

Respirare utlizzando interamente la pancia (parte inferire dell’addome) ma non anche la gabbia toracica / le costole, può aumentare la pressione all’interno della cavità addominale.

Quanto meno le costole vengono attivate quando si inspira aria, tanto più i muscoli tra queste – chiamati, appunto, muscoli intercostali – si indeboliranno, causando una pressione eccessiva nella parte bassa dell’addome e sul pavimento pelvico (pavimento pelvico debole = perdite involontarie di pipì quando si starnutisce, tossisce etc.).

Per rompere questo circolo vizioso (muscoli intercostali deboli che causano lo spostamento della respirazione nella parte inferiore dell’addome, facendo aumentare la pressione interna), bisogna effettuare degli esercizi che rafforzano i musoli tra le costole.

Con il tempo, quando la gabbia toracica si sarà rinforzata, sarà più naturale respirare utilizzando tutto il tronco, il che allevierà la pressione nella pancia.

Un esercizio utile consiste nello sdraiarsi in posizione supina e incrociare le braccia posizionando le mani sulle costole; inspirare molto lentamente (ad esempio, contando fino a 6) percependo l’espansione orizzontale e verticale della gabbia toracica (3 dimensioni); effettuare una pausa di un secondo, in cui si trattiene l’aria, ed espirare ancora più lentamente (ad esempio, contando fino a 7), percependo la contrazione ed il rimpicciolimento delle costole.

Infine, una considerazione. Spesso, chi ha la diastasi, nel tentativo di “non far vedere la pancia”, fa incosciamente un errore quando si sente gli occhi puntati addosso, quello cioè di  tenere il muscolo trasverso contratto all’infinito. Il trasverso, come ogni altro muscolo, ha una funzione riflessiva, nel senso che deve automaticamente essere attivato dal nostro cervello quando dobbiamo fare determinati tipi di movimenti (se dovete prendere un oggetto in mano, non pensate consciamente: adesso muovo i muscoli delle dita! Tutto avviene automaticamente, naturalmente). Se si vive con il trasverso contratto, oltre ad affaticare inutilmente questo muscolo, si rischia anche – almeno teoricamente – che questa riflessività si perda, nel senso che, ad esempio, quando dobbiano sollevare un peso, il nostro cervello non comunichi con questo muscolo in maniera “automatica”, perchè il muscolo è abituato a lavorare solo su comando.

Per cui, un consiglio utile se volete “nascondere la pancia” quando qualcuno vi guarda: inspirate con le costole!

Elisa Gallippi

Commenta

Share this article

Team Diastasi Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Make an appointment and we’ll contact you.


* campi obbligatori

Inline
Inline