Collaborazioni: Prof. Giuseppe Pozzi

Luglio 02, 2018 - by Team Diastasi Italia - in collaborazioni, Prof. Giuseppe Pozzi, Testimonianze

No Comments

Ci sono delle opportunità che possono cambiare la vita. Delle collaborazioni che ci riempiono di orgoglio e di gratitudine. Una di queste è senz’altro quella che l’Associazione Diastasi Italia ODV ha instaurato con il Prof. Giuseppe Pozzi. Un professionista di indubbia bravura e professionalità, ma anche e soprattutto un uomo di grande umanità e disponibilità, che non smetteremo mai di ringraziare.
Il Professore, in considerazione della natura della nostra Associazione, e della sensibilità e dell’impegno che già profonde nel sociale, si è reso disponibile ad eseguire alcuni interventi  “pro bono”. Tali interventi sono stati inseriti nell’ambito della chirurgia live dimostrativa che il Professore esegue in occasione di insegnamenti nelle Scuole di Chirurgia Avanzata della parete addominale Italiana (Scuola ACOI) ed Europea (EHS-ISHAWS).
 
Ci sono delle opportunità che possono cambiare la vita, dicevamo. E questo è il racconto di Angela, la prima a poter usufruire di questa collaborazione speciale:

“Oggi voglio raccontarmi!
Approdo sul gruppo Facebook Diastasi Italia incuriosita da questa parolina che un Dottore/amico mi aveva appena pronunciato ma di cui io non conoscevo nemmeno l’esistenza e mi si apre un mondo, da lì decido di iniziare il mio iter per l’intervento in Ssn ma per niente sicura perché non accettavo proprio l’idea di avere una cicatrice visto che non avevo pelle in eccesso e proprio sulla pancia che, prima delle bimbe, è sempre stata il mio punto forte😊!

Provo a contattare un chirurgo, ma mi rendo subito conto che le liste sono lunghissime. Un bellissimo giorno però sul gruppo leggo un post–>il Prof. Giuseppe Pozzi (che io grazie ai racconti di un’altra sis già sognavo ma a cui non potevo minimamente avvicinarmi) offre la possibilità ad una di noi di candidarsi per effettuare il suo intervento in pro bono, incredula mando la mia candidatura ed indovinate un po’… mi sceglie per fare l’intervento!

Non nascondo che il fatto di effettuare quest’intervento in maniera del tutto gratuita mi destava un po’ di preoccupazione (con una buona dose di scaramanzia) ma davanti al Prof. veramente tutto svanisce… è una persona che dà talmente sicurezza, si rapporta in una maniera così gentile ed umana che sembra rapire la fiducia, poi la sua tecnica è la meno invasiva e più naturale che possa esserci fin’ora. Torno a casa e quasi non ci credo, non ho mai avuto grosse fortune nella vita ma questa volta ce l’ho fatta! Da lì a pochi giorni mi fissa la data per l’intervento, di corsa a fare tutti gli esami, l’ansia di lasciare le bimbe e mi trovo in meno di una settimana ricoverata in clinica per fare l’intervento.

Ritrovo il Prof che prima dell’intervento passa in camera con il sorriso sempre presente per le sue rassicurazioni e dopo poco inizia l’intervento seguito dai suoi allievi a cui insegna questa tecnica in Italia ed in Europa. La mia seconda fortuna è stata che, si accorge di una lacerazione del muscolo retto di sx ed essendo un esperto della parete addominale mi ricostruisce il tutto, la diastasi max di 7 cm, ernia epigastrica ed ernia ombelicale, più di 5 ore di intervento (rispetto alle 2 ore di media per la sola diastasi) e mi sveglio con lui che mi racconta l’intervento. E così inizio a pensare che è stato proprio il destino a mettermi tra le sue mani!

Il giorno dopo mi accompagna in una passeggiata, passa più volte per assicurarsi che io stia bene e dopo 2 gg torno a casa. Con Lui opera un altro Professionista non da poco, un chirurgo plastico che interviene la dove ce n’è bisogno… a me ha sistemato l’ombelico! Oggi a distanza di poco più di 2 settimane sono così (foto sotto che poi aggiornerò e farò meglio),  un po’ gonfia nella zona della lacerazione, le foto del prima sono di pochi minuti prima dell’intervento… e che dire, sono felice, felice, felice oltre che fortunata! Ringrazio anche qui il Professor Pozzi per avermi dato questa opportunità, a Diastasi Italia che fa tanto per noi cercando collaborazioni con i migliori professionisti ed a Giusy Pangallo e il team Diastasi Italia che mi hanno supportato durante tutto il percorso. Grazie di vero cuore!”

Angela Albo

 

 

Il Professor Pozzi sarà lieto di rispondere a tutte le domande e richieste di consulto ed informazioni attraverso questi recapiti:

Serena
Segreteria Scientifica Prof. Giuseppe Pozzi
Tel: +39 3913764200
www.giuseppepozzi.com
Email: segreteria.profpozzi@gmail.com

 

Per informazioni circa la possibilità di accedere a questa opportunità “pro bono”, vi consigliamo di iscrivervi al gruppo Facebook Diastasi Italia in cui troverete tutte le informazioni e i requisiti degli interventi del Prof. Pozzi.

Gruppo Facebook Diastasi Italia Official Group

Commenta

Share this article

Team Diastasi Italia

3 thoughts to “Come tenere sotto controllo la diastasi con gli esercizi, la testimonianza di Anita Baker”

  • Lucio

    23 Ottobre 2017 at 10:51

    Evviva le mamme e tutte le donne ma come maschio, pur condividendo con voi la diastasi da qualche anno, non solo mi sento escluso ma non avendo mai partorito (ho assistito però mia moglie) mi chiedo…. avrò mai fatto uno sforzo tale da aver lacerato la linea alba che univa i miei retti dx e sx ?
    Ho 63 anni e la distasi da circa 10….Ho fatto negli anni varie ecografie dove sono state trovate, a bilancio aggiornato, 2 ernie omentali ed una piccola ombelicale. Nulla ad inguine e scroto.
    I miei amici chirurghi, inconsapevoli, hanno deriso per anni la mia pancia “da gravido” ritenendola una manifestazione secondaria al mio essere un amante della tavola come cuoco ed assaggiatore pur di soli 75 kg 10 anni fa per giungere agli 81 kg attuali con 171cm ….
    Il mio addome globoso non ha quasi grasso esterno, e da sempre è durissimo, come contratto da una pressione interna che spinge… non ho meteorismo ne eruttazioni….forse sono aerofagico ?
    Ho parlato ad un amico medico (non chirurgo) della cresta che si forma contraendo l’addome e…. anche lui ce l’ha! Diagnosi: anche lui aveva la diastasi chissà da quanto e non lo sapeva!
    Di molto pesante una volta ho dovuto alzare di pochi centimetri il pianoforte che uno sciagurato aveva portato in appartamento già caricato su un carrello elettrico cingolato: io l’ho DOVUTO aiutare a scenderlo… e poi ? nulla di particolarmente pesante!
    Concludendo UOMINI CON “LA PANZA NON PANZA” DA DISTASI , amanti della propria estetica o menefreghisti ( io lo sono …anche se non è gradevole… e poi rischio vere ernie…?) costretti ad allacciare la cintura dei pantaloni in basso,…. che si fa?
    Ho chiesto ai miei amici chirurghi e la risposta è se vuoi ti operiamo ma sappi che :
    – devi prima dimagrire 7-8 kg e da li il problema già diminuisce da solo ;
    – poi ti mettiamo una bella retina ma ricorda che se, dopo qualche anno, hai bisogno di un intervento sotto la retina, non è una cosa bella per tutti;
    – hanno sorriso…. facendo spallucce….ma cosa vuoi che sia….
    Quando leggo sui mal di schiena…. dove??? a me, da qualche mese fa male sempre in alto , tra le scapole , direi le v. toraciche , prima nulla….eppure ho uno sbilanciamento notevole che forse compensa la mia lordosi da sedere prominente. Da chi mi posso far visitare sul caso ? un fisiatra ?
    Quindi, nulla togliendo alle adorate mamme che giustamente si preoccupano dell’estetica molto più di me, il mio addome lo paragono ad una scatola di cartone già piena di vestiti dove, volendone infilare altri si spinge tanto finché ne entrano ancora…ma in realtà la scatola si è già rotta di lato e i maglioni più ne infilo e più ne fuoriescono…. ed ecco le ernie! …o no ???
    Uomini….e donne , se mi leggete …. condividiamo il caso e parliamone. Io non ho partorito…. Non ho paura della sala operatoria ma se è solo per estetica…. io non mi vergogno e godo della tavola più che dell’estetica…. ma nel tempo ???
    Ciao, coraggio…. ho firmato da tempo …. Lucio

    Rispondi
    • Enrica – Team Diastasi

      23 Ottobre 2017 at 11:39

      Caro Lucio, abbiamo iniziato anche noi così! Dottori che ci ridevano in faccia, che ci dicevano “Hai partorito, mica pretenderai di tornare come prima??”, che ci dicevano che i nostri dolori erano immaginari… eppure ora siamo qui, abbiamo questo sito, un gruppo attivo e informato tante altre donne che credevano di essere “pazze”. Perchè non darti da fare anche tu, magari potresti cercare altri uomini nella tua stessa condizione (c’è chi ci nasce con la diastasi e non lo sa!), creare un gruppo, un sito, smuovere un po’ le acque. Se lo farai ti daremo spazio anche qui. 😉 In bocca al lupo!

      Rispondi
  • Lucio

    24 Ottobre 2017 at 19:19

    Ciao Enrica,
    grazie per rispondere al mio post … l’idea è interessante e grazie per l’ospitalità.
    Noi maschietti in gran parte non abbiamo la molla del recuperare l’ “estetica” e chissà quanti uomini hanno la distasi e non lo sanno! Ma le donne dovrebbero pensare anche ai loro uomini quindi ragazze …occhio alle panze globose dei vostri uomini…. e sfatiamo il fatto che è una PATOLOGIA FEMMINILE…. io ne ho già diagnosticati due…. e se ne fregano!
    Ciao e in bocca al lupo. L

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Make an appointment and we’ll contact you.

* campi obbligatori