Benefici dell’addominoplastica su lombalgia e incontinenza urinaria

Marzo 15, 2018 - by Team Diastasi Italia - in Info utili e consigli

No Comments

Pubblichiamo un riassunto tradotto dello studio condotto dalla prestigiosa rivista americana di chirurgia plastica Plastic and Reconstructive Surgery

Gli autori hanno studiato l’incidenza della lombalgia e dell’incontinenza urinaria nella popolazione postpartum che si è presentata per l’addominoplastica e l’entità del miglioramento dopo l’intervento.

Lo studio, condotto su 214 pazienti ed effettuato tramite questionari convalidati somministrati prima dell’intervento ed a 6 settimane e 6 mesi dopo l’intervento, ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo del dolore lombare e dell’incontinenza urinaria dopo l’addominoplastica con riparazione dei muscoli retti addominali.

 I dati sono stati raccolti in modo prospettico, sono stati coinvolti  9 chirurghi indipendenti e sono stati utilizzati 6 diversi metodi di addominoplastica. A 6 mesi nessun singolo metodo di addominoplastica si è dimostrato più efficace rispetto ad un altro.

Possiamo presupporre che il miglioramento del mal di schiena è causato da un ripristino della condizione di prepartum con plicatura della diastasi e rimozione di pelle e grasso in eccesso.

La diminuzione postpartum della capacità funzionale è attribuibile a una riduzione della stabilità della regione lombopelvica. Oltre alla lombalgia, i pazienti dopo il parto spesso soffrono di una mancanza di “forza centrale”, trovando difficile stare su una gamba sola o alzarsi da una posizione supina. Questa condzione di instabilità persiste fino a quando l’integrità del “contenitore addominale” viene ripristinata; quando il gap dei muscoli retti è chiuso, la funzionalità aumenta. ​​

La chiusura della diastasi ripristina la tensione fasciale addominale riportando questi muscoli alla loro lunghezza fisiologica; stringendo questa ampia struttura e stabilizzando la colonna lombare, la stabilità pelvica viene ripristinata dall’alto. L’addominoplastica con plicatura rettale migliora la postura con una retroposizione delle pelvi e un avanzamento compensatorio della testa e delle spalle. La lordosi viene ripristinata nella condizione di pre-partum, insieme alla stabilità.

Questo effetto può essere dimostrato nel paziente pre-addominoplastica indossando una cintura pelvica: il dolore alla schiena migliora, così come la postura, mediante l’applicazione di uno stabilizzatore esterno. Per cui, se il paziente migliora con una cintura, è probabile che un’addominoplastica effettui un miglioramento permanente.

Il meccanismo di miglioramento dei sintomi urinari è oggetto di diverse teorie, queste vanno da una riduzione del peso addominale anteriore, all’aumentata forza della parete addominale anteriore che porta a uno svuotamento della vescica più completo.

L’addominoplastica con riparazione del retto migliora il mal di schiena e l’incontinenza urinaria legati alla gravidanza ripristinando l’addome allo stato di pre parto, ma potrebbe non essere in grado di correggere una lesione alla schiena o problemi urodinamici non definiti.

Conclusione: l’addominoplastica con riparazione dei retti crea un miglioramento significativo dei sintomi funzionali della lombalgia e dell’incontinenza urinaria.

Fonte Plastic and Reconstructive Surgery (Journal of the American Society of Plastic Surgeons):

Articolo: https://journals.lww.com/plasreconsurg/Fulltext/2018/03000/Abdominoplasty_Improves_Low_Back_Pain_and_Urinary.13.aspx

Video: https://journals.lww.com/plasreconsurg/Pages/videogallery.aspx?videoId=1302&autoPlay=true

 

Commenta

Share this article

Team Diastasi Italia

3 thoughts to “Le cicatrici: diverse tipologie e metodi correttivi”

  • Vanessa spoglianti

    24 Gennaio 2019 at 3:11

    Salve ho distasi addominale come faccio a sapere se c è un centro che se ne occupa convenzionato e cosa posso fare per migliorare un po’ la situazione che mi mette molto a disagio?

    Rispondi
  • sonia

    2 Aprile 2019 at 11:16

    Buongiorno, come tante ho scoperto questa ‘patologia’ googolando e trovando il vs sito. Per motivi diversi ho avuto due cesarei, dopo il secondo (prova di parto fallita) mi ritrovo con la pancia gonfia, problemi di digestione, pesantezza e postura scorretta. Putroppo non ho portato la pancera, perchè il ginecologo me la sconsiglio’ caldamente…. La mia domanda è: è consigliabile un eventuale intervento di addominoplastica se gia ‘cesarizzata’? E’ di nuovo un intervento, sarebbe il terzo…

    Rispondi
    • – Team Diastasi

      2 Aprile 2019 at 11:43

      Salve Sonia, innanzitutto ti posso rassicurare, probabilmente portare la panciera dopo il parto non avrebbe influito sulla presenza della diastasi. L’intervento per la diastasi è più superficiale e meno invasivo rispetto a un cesareo, molte delle iscritte al nostro gruppo Facebook Diastasi Italia hanno affrontato l’intervento dopo uno o più cesarei. Non so da quanto hai avuto il secondo figlio, ma non ci sono controindicazioni di nessun genere all’intervento. Se vuoi confrontarti con oltre 20mila donne con il tuo stesso problema puoi richiedere l’iscrizione al gruppo: https://www.facebook.com/groups/diastasitalia/ Ti aspettiamo!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Make an appointment and we’ll contact you.

* campi obbligatori